ACI: usato auto trainato ancora in crescita

ACI conferma la crescita per le auto usate, trainate dal diesel

ACI conferma il segno più per il mese di novembre 2018 per il mercato italiano delle auto di seconda mano. Con 268.452 passaggi di proprietà al netto delle minivolture (i trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale) ha messo a segno un progresso del 2,5% rispetto allo stesso periodo del 2017. Per ogni 100 vetture nuove nel mese di novembre ne sono state vendute 182 di seconda mano e 157 nei primi undici mesi dell’anno.

Ancora una volta a fronte della contrazione a due cifre delle prime iscrizioni di auto diesel (-28,8% a novembre rispetto allo stesso mese del 2017), il mercato dell’usato ha registrato un aumento dei passaggi di proprietà delle vetture a gasolio, che con un incremento mensile del 5,7% portano la crescita complessiva nei primi undici mesi del 2018 al 7,7%. La sostituzione dell’attuale parco circolante di circa 16.900.000 auto diesel, sempre più penalizzato dalle politiche ambientalistiche intraprese da numerose amministrazioni locali, si conferma dunque un problema da affrontare al più presto.

CRESCE ANCHE IL MERCATO DELLE MACCHINE MOVIMENTO TERRA E LAVORI STRADALI. IL RAPPORTO DEL CRESME

ACI

Complessivamente nel periodo gennaio-novembre 2018 si sono registrati incrementi del 5 % per le quattro ruote. Si passa poi al 3,3% per tutti i veicoli, mentre le due ruote hanno archiviato un calo del 2,2%.

Uno sguardo anche ai dati sulle radiazioni

Bilancio positivo a novembre sul fronte delle radiazioni. Il bilancio parla un incremento mensile del 11,1% nel settore delle autovetture e del 4,3% in quello dei motocicli. Il tasso unitario di sostituzione del parco auto nel mese di novembre risulta pari a 0,84 (ogni 100 auto iscritte le radiate sono 84) e a 0,76 nel periodo gennaio-novembre 2018. Prosegue dunque la crescita del parco circolante nazionale.

Nei primi undici mesi dell’anno le radiazioni hanno archiviato incrementi complessivi del 7,4% per le autovetture, del 9,4% per i motocicli e del 7,6% per tutti i veicoli.

POSITIVO ANCHE IL MERCATO ITALIANO DEI RICAMBI: COSI’ DICE ASCONAUTO

Tabelle dati ACI