La stabilità di Cmc Marine si chiama Waveless

Cmc Marine, un nome tipicamente associato agli stabilizzatori elettrici per super yacht, ha voluto presentare per la prima volta Waveless by Cmc Marine al grande pubblico durante un evento d’eccezione. In particolare, la nuova gamma di stabilizzatori ultracompatti ha fatto la propria comparsa al recente Yachting Festival nella suggestiva Cannes.

CANNES YACHTING FESTIVAL. LA 42ESIMA EDIZIONE

Waveless compatti per grandi imbarcazioni

Waveless by Cmc Marine, il cui esemplare più piccolo ha un ingombro a bordo pari a 38 centimetri di diametro per 22 cm di altezza, si pone tipicamente al servizio di imbarcazioni medio grandi, a partire dai 12 metri di lunghezza. Inoltre, può vantare la stessa tecnologia che ha portato gli stabilizzatori Cmc Marine ad essere ormai un importante nome di riferimento sul mercato.

cmc marine waveless

Tutto il know-how e l’esperienza costruttiva disponibili sono stati messi a disposizione di questa nuova famiglia di stabilizzatori. Cmc Marine ha deciso di seguire questo percorso per puntare a risolvere il problema di rollio e beccheggio degli yacht causato dalle onde e dal movimento di pesi a bordo, rendendo così la permanenza in barca più confortevole.

4 Stab e 4 Trim

La famiglia Waveless by Cmc Marine conta 4 modelli di stabilizzatori Stab e 4 modelli di intruder Trim. In particolare, l’intera gamma di stabilizzatori Stab era in esposizione al Cannes Yachting Festival 2019 allo stand Palais019. Un modello Stab 25 ha dato prova delle proprie qualità pratiche proprio durante la kermesse francese. Presenti accanto a questo modello anche alcuni esemplari di Stab30, Stab40 e Stab50 in rappresentanza dell’intera offerta tecnologica di Cmc Marine relativamente alla nuova offerta Waveless.

In bella mostra, inoltre, anche un modello di Stabilis Electra HS60 funzionante. HS60 proviene dalla gamma High Speed System, evoluzione degli Stabilis Electra System, per imbarcazioni plananti e lunghezza tra i 23 e i 35 metri, con profili di pinna migliorati ed un’elettronica tutta nuova che consente di ridurne ingombro e peso, a favore della performance. A chiudere la sfilata un Intruder300 anch’esso interamente funzionante.

A CANNES ANCHE GLI IBRIDI MARINI DI MTU

Iscriviti alla Newsletter

* campo obbligatorio