Fpt non tralascia la telematica

Fpt ha presentato la sua nuova soluzione telematica, anche all’Eima

Parlando di telematica, Fpt Industrial è consapevole di quanto ormai i dispositivi smart siano sempre più importanti e stiano entrando nel quotidiano di tutti. Per questo la società ha dato fondo a tutto il proprio know-how tecnologico per intraprendere il cammino verso una sempre più avanzata interconnessione tra motori.

Con questo obiettivo in mente, Fpt Industrial ha di recente presentato la sua nuova soluzione telematica, presente anche in bella mostra allo scorso Eima 2018.

In passato, la gestione degli errori veniva effettuata principalmente analizzando i componenti e solo dopo che il problema si fosse già manifestato. Oggi, attraverso la telematica, i motori connessi tra loro consentono sempre di più un monitoraggio ed una diagnosi dei problemi da remoto, il che rende più facile e anche più efficace tracciare le attrezzature e consentire una migliore gestione della manutenzione dei motori.

Fpt

Di conseguenza, rivenditori e costruttori possono fornire un servizio di assistenza e un supporto più rapido ai loro clienti. Il kit telematico di Fpt Industrial punta ad inserirsi proprio in questo contesto. Stando a quanto dichiarato da Fpt, si tratterebbe di un kit di facile installabile e raccoglie i dati tramite la porta Obd (On-Board Diagnostic, ovvero sistemi diagnostici di bordo), inviando tutte le informazioni via Gsm ad un archivio cloud centralizzato. La connessione Gsm consente agli utenti di ricevere e monitorare i parametri del motore e gli allarmi.

Come funziona?

Gli utilizzatori finali possono accedere a un’applicazione da dispositivi mobili che mostra, su un pannello di controllo, i parametri principali del motore, come il carico, i livelli del fluido e le ore di lavoro, la posizione Gps del mezzo e i promemoria dei servizi. Di conseguenza, è possibile pianificare gli intervalli di manutenzione ottimizzando i tempi di attività, oltre a poter rilevare in anticipo i potenziali malfunzionamenti.

C’è anche il portale web dedicato a flottisti, concessionari e Oem, che fornisce ulteriori informazioni sul parco macchine in funzione. Oltre a un set completo di parametri del motore, il portale utilizza i promemoria dei servizi (gli avvisi di manutenzione e i codici di errore) e la posizione Gps per presentare una panoramica della attività delle attrezzature e dell’utilizzo del motore. Oem, concessionari e proprietari di flotte possono controllare informazioni specifiche con azioni personalizzate.

Fpt

Secondo Fpt, il monitoraggio del parco veicoli consente di facilitare l’assistenza, migliorando l’efficienza della gestione con un impatto positivo sul costo totale di proprietà (Tco). Attraverso una ‘control room‘, la società punta a rispondere in modo appropriato alle diverse richieste che giungono dagli utilizzatori, così da poter intervenire nel modo più pronto e adeguato possibile. Ciò avviene attraverso l’analisi da remoto dei dati in tempo reale. Oem e utenti finali possono ricevere una diagnosi predittiva per anticipare eventi imprevisti e sviluppare una manutenzione flessibile.

FPT AD EIMA 2018 CON I SUOI STAGE V

Ci sono anche ‘servizi per la vita’

Fpt ha pensato anche ai servizi dedicati al ‘lifecycle‘. Servizi quali assistenza post-vendita telematici, consulenza pre-vendita e anche soluzioni per servizi complementari. Fpt utilizza un Configuratore di Prodotti che ha il compito di trovare la soluzione più adeguata alla necessità del cliente tra tutte le molteplici soluzioni disponibili.

Ci sono poi corsi di formazione specifici con informazioni sulle più recenti caratteristiche dei motori e direttive per Oem, rivenditori, meccanici e specialisti di diagnostica. I programmi di formazione puntano a dare agli utilizzatori finali la possibilità di gestire al meglio le soluzioni telematiche e sfruttare appieno le loro potenzialità.

UNO SGUARDO A FPT TECH DAY E AI PROGRAMMI PER IL FUTURO